Consigli per l’ultimo dell’anno

Siete alla disperata ricerca di qualcosa da fare per l’ultimo dell’anno?
patty_pravo.jpgNessun problema: in Piazza della Vittoria sarà la musica a farsi divertire. I concerti in programma sono quelli de Le Arcadia, quintetto tutto al femminile, e di Noemi, cantante diventata famosa grazie alla sua partecipazione ad X-Factor.

A mezzanotte, invece, salirà sul palco Patty Pravo per intonare 8 dei suoi più grandi successi. Dopo l’esibizione della cantante veneziana, la festa continua con il dj set di Denny Losito.

Conduce la serata Alessandro Greco, tarantino DOC, personaggio televisivo noto per programmi come “Furore” e come inviato per “Carramba che fortuna”.

Per l’occasione, bar e ristoranti della zona rimarranno aperti per festeggiare insieme l’anno nuovo. L’Amat, invece, ha assicurato un potenziamento numerico di autobus in partenza dai quartieri Talsano, San Vito e Paolo VI.

Che altro aggiungere? Auguri di cuore di un felice anno nuovo a tutti voi. Il prossimo anno ripartiremo più forti di sempre!

 

Ma cosa ne vuoi sapere…

Torna in scena, a grande richiesta di pubblico, una rappresentazione molto gradita dal pubblico teatrale tarantino.cenisetu.jpg

Infatti, stasera e domani, al teatro Monticello di Grottaglie, andrà in scena la commedia “Ccè ni sé tu?”, interpretata e diretta da Valerio Manisi. Lo spettacolo è prodotto dalla Compagnia del Teatro jonico Salentino, progetto nato con l’intento di restituire e decantare le tradizioni della nostra bella terra.

La storia è ambientata proprio a Grottaglie, un paese da sempre attento e ricco di tradizioni religiose e pagane. Protagonista è una “lettera”, spedita da chissà dove o chissà quale profeta, contenente un importante messaggio di allarme, teso a stimolare le persone a salvaguardare le tradizioni.

Personaggio principale è “Pascalino”, del quale la tranquillità è messa a repentaglio dallo scemare di uno tradizione grottagliese, ovvero la festa del Santo Patrono. Durante la rappresentazione, suo padre Franco farà di tutto per poterlo salvare.

Inizio spettacolo: ore 20.30. Per info: 392.7425653 – www.teatrosalentino.it. Il teatro Monticello si trova in via Karl Marx 1, a Grottaglie.

(foto da www.teatrosalentino.it)

In giro tra i presepi

A Natale le tradizioni sono una cosa seria! E’ per questo che, per la quarta edizione, Massafra ospiterà, fino al 6 gennaio, il “Natale nel Centro storico”, ovvero un allestimento lungo le vie del borgo antico di presepi artistici preparati all’interno di abitazioni private, realizzati da ben ventidue presepisti.natale.jpg

Il tragitto, che va da Piazza Garibaldi fino a via San Leonardo, diventerà per l’occasione un luogo di incontro e di cultura, che si prolungherà fino in corso Italia con il mercato natalizio e la splendida casa di Babbo Natale, allestita in via Messapia in un’antica casa grotta.

Per i palati raffinati, inoltre, sarà possibile degustare ed acquistare diversi prodotti presenti negli stand enogastronomici, mentre la Cooperativa “Teatro Le Forche” ha organizzato una rappresentazione teatrale riguardante i temi natalizi.

La manifestazione è stata organizzata dall’Associazione Culturale “Terra di Puglia” e dalla Cooperativa turistica “74zero16“, in collaborazione con “Dpm Pubblicità” ed il sostegno del Comune di Massafra e con il patrocinio della Provincia di Taranto e della Regione Puglia.

(foto da www.limoservicedenver.com)

P.S.: Come le tradizioni, a Natale anche gli auguri sono d’obbligo! Pertanto, colgo l’occasione per augurare uno splendido Natale e delle serene vacanze a Tiziana e Massimo, ai miei carissimi colleghi blogger e a tutti i fedeli lettori di questo spazietto. E fate i bravi!

Una foto per non dimenticare

Per capire a fondo la brutalità e l’inutilità della guerra, a volte, è bene avere un contatto quanto più possibile diretto con questa. guerra.jpg

Ci pensa il Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi” che ha inaugurato ieri una splendida mostra fotografica dal titolo “Dalla guerra alla pace, il Novecento visto l’obiettivo di Noè Trevisani”.

La mostra riprende quello che fu un periodo particolarmente caldo nella storia del mondo, ovvero il pre, il durante e il dopo la seconda guerra mondiale (periodo 1936-1945).

L’inastimabile valore delle foto è dovuto al loro essere inedite, frutto di una attività artistica di Trevisani intensa e costante, che gli hanno permesso di avere un documento, di importanza eccezionale e di grande interesse artistico, sociale e storico.

La mostra, che è stata promossa dal Liceo “Giuseppe Moscati” di Grottaglie (Ta) con la partecipazione della Provincia di Taranto, ed ha visto alcuni appuntamenti nel Castello Aragonese di Taranto e nelle sale del Liceo Moscati, raccoglie una significativa sintesi della produzione del fotografo Noè Trevisani.

La sede del Centro Studi e Ricerche “Francesco Grisi” si trova in via Vittorio Veneto 27, a Carosino.

(foto da www.isarteromadue.com)

Un’emozione moltiplicata per sette

Una suggestiva mostra sarà visitabile (fino al 7 febbraio) ancora una volta a Grottaglie, che si mostra ancora una volta particolarmente sensibile all’arte e ai suoi artisti in erba (i tanti post su questo blog dedicati alle mostre di questo paese lo confermano).mostragrot.jpg

Il titolo della rappresentazione è “7 vite d’artista” e non è un caso: saranno infatti esposte le splendide opere di sette artisti (tutti nati a Grottaglie), ovvero Antonio Favale, Gennaro Orazio, Giovanni Spagnulo, Lorenzo Intermite, Michele Pomes, Oronzo Mastro e Pio Nono Mazza.

La direttrice del Polo Museale di Grottaglie si è così espressa riguardo la mostra: “La mostra collettiva dedicata all’opera dei sette artisti grottagliesi rappresenta un’occasione per riflettere sulle attuali forme d’arte contemporanea, attraverso le scelte e le testimonianze di autori con esperienza consolidata e con impronta stilistica particolarmente personalizzata. Tra le rappresentazioni che animano la mostra ritroviamo temi dedicati alla cultura dei luoghi, all’essenza delle cose, ai mutamenti della natura, alla forza evocativa della memoria”.

La mostra è visitabile gratuitamente presso Palazzo de Felice, a Grottaglie, dalle ore 9.30 alle 12.30 e dalle ore 17.30 alle 20.30.

(foto da www.comune.grottaglie.ta.it)

Sport, professori e poesia

Compendio - Circo Bordeaux 2.JPGSpettacolo assolutamente da non perdere questo sabato al Teatro TaTÀ con un progetto assolutamente da non perdere. Sto parlando del cosiddetto Dittico dell’attesa, due spettacoli scritti e diretti da Marco Andreoli, interpretati da Michele Riondino ed Enrico Roccaforte. Il primo si intitola “Cento” e parla della storia di Livio e Bizio, un centometrista e il suo allenatore, in un racconto di Amore e di Fede, di Destino e di Felicità, narrato attraverso una comicità soffusa, tra un tocco surreale e il più classico dei giochi di spalla. Il secondo invece è “Compendio generale” che racconta la storia del professore Sebezio Zanussi, professore emerito che ha tra le mani l’invenzione più importante della storia dell’umanità, in un’emozionante vicenda che racchiude il bene e il male, nonché ragione e sentimenti di epoche passate e future.
Inizio spettacolo: ore 21. Ingresso: 12 euro, ridotto gruppi (almeno dieci persone) 10 euro, ridotto (under 21 e over 65) 8 euro. Prenotazione consigliata ai numeri 099.4725780 – 366.3473430.

Per info: 099.4707948 – 366.3473430 – info@teatrocrest.it – www.teatrocrest.it .

In fuga dalla nostra società

Sarà presentato stasera alle 19, presso la libreria Futur Books di Martina Franca, il nuovo libro del cantautore e scrittore Leo Tenneriello intitolato “Metamorfosi e fuga”. leo2.jpg

Come scrive Gabriela De Pace nella prefazione dello stesso, “Tenneriello scava nel concetto marxista di struttura e sovrastruttura, per trovare una ‘strategia di sopravvivenza’ che possa contrapporsi alla società odierna, ai suoi canoni, ai suoi soprusi. Il potere veste in questo approccio i panni del cacciatore, con le pericolose armi della società di massa fatta – e programmata – per promuovere il conformismo, plagiare modelli, omologare coscienze e azzittire il pensiero individuale (…)Tenneriello intende per metamorfosi il progetto messianico di Cristo, la scelta della crocifissione leo.jpgattraverso la quale la divinità si sottrae alla scorciatoia del potere e dimostra la propria grandezza divina, proponendo una strategia di fuga, come direbbe Giussani, ‘scandalosamente libera’”.

Abbinato al libro, sarà possibile trovare l’ultimo disco di Tenneriello, “Viversi”, arrangiato da Palmi Nigro, il quale vanta una collaborazione di diversi anni con Mariella Nava, descritto dal suo autore come un “viaggio nei sentimenti, nelle paure, nelle emozioni e nei ricordi” in perfetto stile pop/rock d’autore italiano.

Inizio presentazione: ore 19. La FuturBooks si trova in via Mascagni 33 a Martina Franca. Per info: 0804801400.

Viaggio nella pittura di tre artisti

E’ stata inaugurata lo scorso sabato 12 dicembre la mostra di pittura di Amelia Lopresto, Egidio Bitonto e Gianluca De Luca intitolata “Tre stanze, tre artisti, un viaggio… con voi”. mostra.jpg

La particolare caratteristica della mostra è l’allestimento originale curato dall’architetto Antonio Tamburrini, direttore artistico dell’evento che, insieme agli artisti, ha fortemente voluto legarlo alla divulgazione dell’opera incessante e meritoria della LILT, Sezione Provinciale di Taranto (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori), che si occupa della prevenzione dei tumori, puntando particolare considerazione a quelli femminili.

All’inaugurazione, la Consigliera di Parità della Provincia di Taranto, Dott.ssa Perla Suma, ha promosso il ruolo e le funzioni di questa figura istituzionale nell’ambito, soprattutto, delle discriminazioni nell’ambiente lavorativo.

La mostra è visitabile fino a giovedì 17 presso la Galleria Comunale (Castello Aragonese). Per info: 3348112028

(foto da news.valbrembanaweb.com)

 

L’amore secondo Shakespeare

Un po’ di romanticismo aleggerà nell’aria di Martina Franca questa sera. Infatti stasera, al Teatro Verdi, andrà in scena la rappresentazione teatrale di “Pene d’amor perdute”, composta da William Shakespeare verso la fine del ‘500. penedamor.jpg

Tema principale della commedia è l’amore e la conquista dei sentimenti, in un affascinante gioco di opposizioni tra seduzione e castità. Lo splendore dell’opera sta nella sua straordinaria modernità, nonostante tra i testi del drammaturgo sia quello meno rappresentato.

La versione che sarà presentata stasera vede la regia di Stefano Artissunch e le magistrali interpretazioni di Marina Suma, Alessia Bedini, Piergiorgio Cinì, Stefano De Bernardin, David Quintili e Gian Paolo Valentini.

Inizio serata: ore 21. Ingresso: 8 e 18 euro. Il Teatro Verdi si trova in Piazza XX Settembre 5, a Martina Franca. Per info: 0804805080.

Sabato 12, lo stesso spettacolo sarà in scena presso il Teatro Monticello di Grottaglie (via Karl Marx 1).

(foto da www.vivimartina.it)

L’anima salva del cantautorato

Appuntamento assolutamente imperdibile con uno dei nomi più rappresentativi della canzone d’autore italiana.
fossati.jpg
Giovedì 10, infatti, al Teatro Nuovo di Martina Franca, si esibirà Ivano Fossati.

Nato a Genova nel 1951, a soli 20 anni entra nella progressive band Delirium, con i quali partecipa nel 1972 a Sanremo con il brano Jesahel, che diventa un grande successo dell’epoca.

Finita l’esperienza con la band, tenta la carriera solistica, esibendosi in coppia con il cantautore Oscar Prudente prima e poi con Mia Martina (con la quale nascerà una lunga relazione sentimentale), per l’album “Per amarti”.

Nel frattempo scrive canzoni e produce dischi per artisti di successo come Mina, Patty Pravo, Ornella Vanoni, Loredana Bertè, Fiorella Mannoia, Anna Oxa e, soprattutto, con Fabrizio De Andrè. Con quest’ultimo scrive prima due testi per l’album “Le nuvole” e poi collabora per il disco “Anime Salve”.

Nel frattempo, scrive musiche per vari film, tra cui “Caos calmo” di Nanni Moretti. Nel concerto di domani, Fossati presenterà i brani del recente “Musica moderna”.

Inizio serata: ore 21. Ingresso: 30, 40 e 50 euro. Per info: 0804301491.

(foto da www.mir.it)