Unificazione Taranto-Brindisi: la documentazione passa al governo nazionale

Al via il nuovo “assetto” delle provincie pugliesi.

1194424668.jpgInfatti la provincia di Taranto e i suoi comuni hanno approvato l’unificazione con Brindisi, rifiutando l’ipotesi di un “Grande Salento” che avrebbe visto come capoluogo Lecce.

La decisione è stata documentata con l’approvazione dei vari consigli comunali, che dovranno inoltre far presente la loro contrarietà al progetto di unificazione di Lecce, Brindisi e Taranto. La documentazione dovrà pervenire al governo nazionale dalla regione Puglia entro il 24 di questo mese.

La decisione è stata presa nella giornata di lunedì, presso il palazzo della provincia di Taranto, dove hanno presenziato il presidente Gianni Florido, dell’assessore regionale al Bilancio Michele Pelillo, dei consiglieri regionali Alfredo Cervellera e Donato Pentassuglia.

Unificazione Taranto-Brindisi: la documentazione passa al governo nazionaleultima modifica: 2012-10-17T08:30:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Unificazione Taranto-Brindisi: la documentazione passa al governo nazionale

  1. Ci mancherebbe altro che la nostra grande realtà poteva scomparire dando importanza ad una città( lecce) che mi pare che viva di luce riflessa, certamente più dinamica grazie ai suoi tanti politici di caratura. Ultima considerazione
    Taranto per quello che è sarebbe dovuta essere capoluogo di regione altro che.

Lascia un commento