Renato Balduzzi: “la mortalità a Taranto è aumentata a causa dell’Ilva”.

Quando si parla dell’Ilva esistono le opinioni, i punti di vista su chi difende il diritto alla salute anziché quello al lavoro (o viceversa), e poi esistono i fatti, i dati oggettivi, la realtà nuda e cruda.

ren.jpgIl post di oggi espone un dato significativo e, appunto, oggettivo sulla percentuale di mortalità causata dall’inquinamento ambientale.

E’ il ministro della salute Renato Balduzzi (in foto) ad affermare, in presenza del presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, che il tasso di percentualità, è aumentata dal 10 al 11% dal 2008 e, per alcuni tumori, il tasso d’incidenza è addirittura superiore al 100%, secondo i dati del Progetto Sentieri dell’ISS.

Insomma, i dati parlano chiaro, come la sintesi del rapporto: “emerge con chiarezza uno stato di compromissione della salute della popolazione residente a Taranto“.

Il ministro si è detto sorpreso per i dati e per le percentuali in costante e preoccupante aumento e, a scanso di equivoci, Balduzzi ha puntato il dito verso lo stabilimento siderurgico presieduto da Bruno Ferrante, “il potenziale responsabile degli effetti sanitari correlati al benzopirene”.

Renato Balduzzi: “la mortalità a Taranto è aumentata a causa dell’Ilva”.ultima modifica: 2012-10-26T08:30:00+00:00da admin
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Renato Balduzzi: “la mortalità a Taranto è aumentata a causa dell’Ilva”.

  1. E, che ora si CHIUDA. gli operai? che si impieghino a spese dell’ilva e dello stato
    a bonificare tutta l’area partendo dall’impianto siderurgico, estendendosi per un raggio di trenta chilometri mare incluso; non tralasciando il rimborso in danaro
    a tutte le morti accertate a causa dell’ilva/italsider.in ultimo che si costruisca un grande ospedale oncologico annesso ad universita con sede Taranto senza dipendere da bari.

Lascia un commento